Alunni

FAI e Baldassarre, gli studenti " ciceroni" si formano

In questi giorni tiene banco il connubio tra FAI e scuole per la conoscenza, il recupero, la salvaguardia dei maggiori monumenti e luoghi d'arte in Italia.

Anche Trani si ritrova protagonista con l'adesione alle iniziative promosse per l'occasione da parte di vari istituti scolastici tra i quali anche la nostra scuola, la Baldassarre. Nell'ambito delle mattinate del FAI, s'inserisce il lavoro di docenti e alunni.

Anche nel nostro caso, premessa l'adesione, a loro volta, di alcune classi, si è passati al secondo step, ossia l'individuazione di studenti " ciceroni" che potessero poi essere impegnati nelle ormai conosciute " Giornate del FAI". In esse avverrà quanto si diceva: luoghi storici e monumenti riabilitati agli occhi dell'opinione pubblica, con gli studenti protagonisti di questa degna operazione culturale.

Per arrivare però ad una perfomance all'altezza, c'è bisogno di formazione e preparazione anche per i ragazzi "ciceroni ", che infatti, nel pomeriggio di venerdì 15 novembre, si sono ritrovati con le proprie docenti, Lucia Albanese, Teresa Colacchio, Dora Mancini, Marinella Palmieri, Licia Palumbo, Francesca Zitoli, nella Biblioteca comunale, per un incontro formativo tenuto dalla professoressa Derosa, docente di storia dell'arte medievale presso l'Universita' di Bari, sul tema "Un mare di chiese: Trani e gli insediamenti monastici".

Nello specifico, ricordiamo le classi partecipanti: 1H, 1A, 2A, 2C, 2B, 2M, 3C, 3D, 1L, 2L, 3L.

Per l'occasione sono state fornite notizie storiche e delineate le caratteristiche architettoniche di due delle chiese aperte nelle mattinate FAI: Santa Maria di Colonna e Ognissanti. I nostri "ciceroni" sono pronti. Gli studenti della Baldassarre saranno ancora protagonisti.

Giovanni Ronco

fai bibloiteca 15 1.nov a

fai bibloiteca 15 2.nov a

Festa della Gentilezza, anche la Baldassarre fa la sua parte.

Anche la nostra scuola ha preso parte ad una delle novità più interessanti di quest'anno: la Festa della Gentilezza promossa dal Liceo Scientifico Valdemaro Vecchi di Trani.

In un'epoca in cui lo scontro, la cattiva educazione, lo sfogo scomposto (vedere i social per credere) la fanno da padroni, ben venga questo tentativo volenteroso di resettare, cominciando dalle nuove generazioni, (da chi, se no?), cominciare un percorso nuovo fatto di attenzione verso il prossimo, rinnovata e veritiera sensibilità.

Come dicevamo, durante la manifestazione al Vecchi, anche la Baldassarre ha partecipato con una "delegazione" guidata dal preside, prof. Marco Galiano e da due classi coi rispettivi docenti: le terze F e C.

Alcuni fra gli alunni presenti si sono esibiti per l'occasione: per la 3C è stata letta una poesia intitolata “La gentilezza” scritta e letta da Chiara Leuci su accompagnamento musicale di flauto traverso suonato da Gaia Papagno e Giorgia Rusconi. Giulia Fornelli e Samuela Cellamare hanno realizzato un cartellone sulla gentilezza come “scenografia”. Per la 3F si sono esibite nell'interpretazione del brano: "Il mondo che vorrei" di Laura Pausini, le alunne Anna Sofia Cortellino e Anna Maria Caminiti.

Giovanni Ronco

A margine pubblichiamo la poesia " La Gentilezza", scritta dalla nostra alunna Chiara Leuci

 

La Gentilezza

La gentilezza

è una spada

luccicante e solenne

di cui

dovremmo servirci.

È una spada

che non divide

non ferisce

ma porta amore

e unione

fra tutti noi:

religiosi e atei

italiani e stranieri.

Abbiate, quindi,

il coraggio

di essere gentili:

amatevi,

aiutatevi

e provate

a usare al meglio

questa spada potentissima.

Solo così, potremo

vincere insieme.

Chiara Leuci 3C

Festa gentilezza2a

Continua...

Rodari e #ioleggoperche', la Baldassarre stregata dalla lettura

L'inizio del centesimo anniversario dalla nascita di Gianni Rodari, che si compirà l'anno prossimo e l'accattivante iniziativa #ioleggoperche'. Due eventi che convergono nella vita della scuola Baldassarre e contribuiscono a far appassionare i ragazzi alla lettura. Da una parte il ricordo di Gianni Rodari, grande ed indimenticato autore di narrativa per ragazzi che fece dell'inventiva, della fantasia, dell'errore che si tramuta in "trovata", gli ingredienti di una letteratura capace di stregare intere generazioni di ragazzi. Anche il Dirigente scolastico Marco Galiano ha voluto sottolineare con un messaggio ad hoc per i giovani studenti, l'originalità e la capacità di Rodari, capace di regalare emozioni e funamboliche trovate lessicali, neologismi spiazzanti, anche nati da un semplice errore, da un apparente lapsus che invece porta anche lo studente ad essere faber, facitore di figure, parole, emozioni.

L'iniziativa #ioleggoperche', promossa dal Dipartimento di lettere, in collaborazione con le librerie Miranfu' e Luna di Sabbia, ha permesso ad alunni e genitori di comprare un libro regalandolo alla scuola di piazza Dante, per alimentare le biblioteche di classe. È stato creato anche uno stand all'ingresso della scuola per promuovere l'iniziativa, in un giorno di "confluenza" di genitori, in occasione delle elezioni dei rappresentanti di classe. Gran parte degli studenti hanno letto libri e racconti in classe e svolto attività in grado di stimolare questa grande e costruttiva passione: la lettura.

Giovanni Ronco Responsabile della Comunicazione Istituzionale scuola Baldassarre

io leggo perchè 1

Friday for future: alla scuola Baldassarre si piantano alberi

Continua la serie d'iniziative nell'ambito del Friday for future, con una serie di manifestazioni ed eventi che convincano l'opinione pubblica circa la necessità di cambiare strada e mentalità, per una miglior cura e rispetto dell'ambiente.

In tale ottica la scuola Baldassarre, diretta dal preside Marco Galiano, vuole proseguire nella direzione che il nuovo dirigente ha voluto imprimere: non solo parole, non retorica ma azioni concrete, che costituiscano esempi per i ragazzi. Ecco dunque per venerdì 18 ottobre, a partire dalle 9.00, l'idea di piantumare nuovi alberi, in particolare nella parte laterale dell'ampio giardino della scuola di piazza Dante. Dopo il saluto ed un breve discorso introduttivo dello stesso dirigente scolastico Marco Galiano, sono intervenuti gli assessori Cherubina Palmieri e Michele Di Gregorio e Domenico Briguglio.

Ma i veri protagonisti sono stati i ragazzi, in particolare gli alunni delle classi 3I, 3L, 2L e 2E, che hanno preso la parola ed hanno esposto i criteri dell'iniziativa ed i propri pareri sulla questione ambientale.

La manifestazione si è chiusa con la piantumazione degli alberi, simbolo di rinascita e decoro ambientale. Ma anche chiaro messaggio circa la diffusione e la cura del verde per un futuro migliore.

Giovanni Ronco Responsabile della Comunicazione Istituzionale scuola Baldassarre

alberi1a

alberi4a

Continua...

Orientering in Villa comunale, la scuola Baldassarre sperimenta

Percorsi e giochi di "orientamento" per uno studio alternativo della geografia

Di Giovanni Ronco

Oggi parliamo dell’iniziativa didattica di orienteering che si è svolta ieri mattina in villa comunale e che ha coinvolto la 1A, la 1C e la 1E (docenti: Albanese, Laminafra, De Robertis, Verri, Zitoli, Musicco, Barile) della scuola Baldassarre.

L’attività ha avuto come finalità quella di imparare a sapersi orientare in un luogo individuando correttamente i punti cardinali, attraverso un compito di realtà che ha anche consentito agli studenti di lavorare sulle proprie competenze sociali e di problem solving. Accanto alle tradizionali attività didattiche, puntualmente svolte nella quotidianità, la scuola Baldassarre sperimenta percorsi didattici alternativi in grado di coinvolgere e motivare maggiormente gli studenti.

1aOrientering in Villa comunale

Continua...

E alla Baldassarre si è tenuta la prima lezione di educazione civica...contro la plastica

Davanti ad un folto gruppo di alunni (una rappresentanza per ogni classe), la presentazione dell'iniziativa delle bottiglie consegnate ai ragazzi, alla scuola Baldassarre, si è trasformata da una mera " cerimonia " ad una vera e propria mini lezione "allargata" di cittadinanza, educazione civica.

Tutto questo per volontà del Dirigente scolastico Marco Galiano, "coordinatosi", per l'occasione, con gli ospiti dell'Amministrazione comunale intervenuti nell'aula magna dell'istituto scolastico di piazza Dante. Infatti sono intervenuti i consiglieri comunali Irene Cornacchia e Leo Amoruso, con Michele Di Gregorio e Cecilia Di Lernia, rispettivamente assessori all'Ambiente ed alla Polizia Urbana.

Il pretesto della "consegna" delle bottiglie portatili in alluminio ha suscitato l'occasione di una lezione-analisi in primis sull'utilizzo dell'alluminio (deve contenere solo acqua non frizzante ed evitare il contatto con bevande calde o gassate) da parte della consigliera Cornacchia che è anche apprezzata biologa nutrizionista nella vita di tutti i giorni; gli assessori Di Lernia e Di Gregorio hanno fatto riferimento alla necessità di rispettare l'ambiente ed il decoro della nostra città evitando di lasciare ovunque rifiuti e nello specifico la plastica delle vecchie bottigliette ed insieme al consigliere Amoruso hanno battuto il tasto della necessità di compiere la raccolta differenziata (genitori compresi).

Il Dirigente scolastico Marco Galiano come spesso avviene ha deciso di ampliare l'orizzonte del discorso ed colto l'occasione per assegnare un piccolo compito agli studenti: spiegando l'importanza del senso di responsabilità di ognuno di noi e da quello che ognuno di noi può fare, singolarmente, per migliorare la propria comunità, diventandone protagonista, ha chiesto ai ragazzi di ricercare chi fosse l'autore del motto "I care".

Anche una bottiglietta può far pensare un ragazzo, quando chi educa è pronto al dialogo ed al buon esempio.

Giovanni Ronco

Foto1a

Continua...